Giu 212013
 

Ma noi ci conosciamo già. Il sorriso aperto di Piergiorgio Siviero è difficile da dimenticare. Era un ragazzino quando faceva i primi piatti da Aimo e Nadia. Quanti Spaghetti Senatore Cappelli al Cipollotto avrà cucinato? Un grande piacere ritrovarlo a Pontelongo (PD), a casa. Con una Prima Stella (presa lo scorso anno) in tasca. Grazie a Massimo Galbiati che ha insistito per portarmici… raccontami, Piergiorgio, raccontami…

Prima di Aimo e Nadia dove ti ho visto?  Al De Milan, facevi il pasticcere. Ragazzo quante esperienze! Dopo Aimo, Alain Ducasse a Parigi. Piergiorgio parla molto volentieri. E’ simpatico come la sua cucina. Può una cucina essere simpatica? Secondo me si.

Daniela, la sorella che non vuole foto (ho incontrato parecchi allergici allo scatto in questi ultimi di tempi) ci serve e ci spiega i piatti.  La seppia pugliese qui sotto profuma intensamente. Muovendola appena ecco il pomodoro fresco che prevale. E’ nascosto e all’improvviso colora il piatto.  Bocconi da inventare toccando in qua e là. Le julienne di pesca fanno da contrasto croccante.

Rimaniamo sul crudo?  Daniela ci consiglia la Sogliola dell’Adriatico con pistacchi e pane fritto. Involtini ripieni di verdure crude. Cetriolo e pistacchio sono una bella coppia. Simpatica! Da copiare!

Era tanto che non annusavo una cucina così profumata. Ricca di odori prepotenti e delicati nello stesso tempo.  Il Dentice che Daniela ci porta alla fine è freschissimo. Buone le patate. Distinti i colori ed i sapori dei pomodori e delle olive.  Io a Massimo non riusciamo a finirlo. Meglio. Daniela me lo incarta e lo porto a casa. Giovani bocche da sfamare stasera apprezzeranno…

Piergiorgio si siede con noi. La scelta di tornare a casa è stata vincente. Daniela è una preziosa e efficiente spalla, in cucina lo affiancano la zia e la mamma. I genitori di Piergiorgio sono albergatori da generazioni , l’Albergo Trieste fa parte di tutta la struttura, ed hanno anche un bel bar lungo via Roma. Prima si entra nel bar, dove potreste incontrare ciclisti professionisti, amatori, turisti in cerca di ristoro che bevono birra, vino sfuso e chinotto. Poi a destra si apre un’elegante porta bianca e si entra nel Lazzaro 1915. Il Ristorante stellato di Piergiorgio e Daniela.

 Posted by at 9:26 am
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers