giu 052013
 

 

… Latina. Siamo a Itri, la patria dell’oliva itrana, più volgarmente conosciuta come oliva di Gaeta. Inconfondibile, pastosa e saporosa fa un olio eccezionale ed è la compagna ideale del pescato locale.  Rino Scherzerino a Itri ha un locale bellissimo. Una macelleria/salumeria così grande che ci sono anche i numerini da prendere per evitare litigi e file. Il lombo qui sotto è di maiale casertano. Una razza di origini antichissime. Il maiale preferito dagli antichi romani.

Con il casertano Scherzerino fa delle salsicce divine. Poco condite e tagliate e coltello. Sottili e lunghe con un grasso buono che accarezza con piacevole violenza il palato.

Assaggio le rondelline di salsiccia. Il massimo della divinità! Rino è in pieno lavoro in corso. A breve il suo locale sarà molto più grande e pronto per soddisfare le esigenze della sua clientela. Piatti pronti da scaldare, dove mangiare e da buttare via negli umidi. Me li fa vedere e voglio fotografarli… non faccio in tempo e li nasconde alla mia vista. Segreti professionali…

La sera arriva all’improvviso. Fredda e buia. Il golfo di Gaeta è inquieto. Con la mia amica Annarosa ci fermiamo a mangiare allEnoteca Trasparenze divino.  Se la stagione fosse quella giusta la veranda che guarda il mare ci intrigherebbe parecchio. La stagione è quella che ci meritiamo e noi stiamo fuori ugualmente coperte come due befane… tanto l’antipasto è caldo.

Come il pane ripieno di olive itrane che zuppettiamo nel Brodetto di Pesce. Rosso come i pomodori di questa bellissima terra.

 Brodetto di pesce con Gamberi rossi di Ponza e Ricciola pescata nel Tirreno. 

La mattina dopo Sperlonga è più inquieta di Gaeta. Galoppano i miei ricordi: Raf Vallone che passeggia stanco e impettito sulla spiaggia. Un Raf tenero e scherzoso. 

Mi piacerebbe rimanere qualche giorno. Sperlonga accoglie con ruvida generosità. Belle le sue piazzette e i suoi vicoli.

 

L’entrata di Ilario, Vini e Liquori, è porta e vetrina. Grandi bottiglie e grandi etichette. Con Ilario parliamo di pasta, di grani duri e di cioccolato…

Ilario va in barca, e chi non ci va qui? Lo scorso Natale ha regalato agli amici questa giacca a vento.      Una anche per me? Con questo freddo gradisco molto volentieri.

Saluto Sperlonga, Gaeta e Itri. Sulle colline che sfidano il mare crescono papaveri viola. Contaminati dalla vicina Ponza dove nascono fiori viola unici al mondo. Anche se la leggenda narra che un mercante indiano regalò dei semi a Lucrezia Borgia che lei seminò e protesse credendo fossero afrodisiaci.  Arriverà l’estate anche qui!

 Posted by at 2:30 pm
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers