apr 012015
 

Certe parabole si avverano. L’isola è una metafora potente: non esclude, ma include. Ciccio Sultano, l’Ibleo, cuoco agricoltore, si è inventato una nuova isola. Un’aia di due ettari e mezzo in cui allevare galline ovaiole e polli da carne.
L’Aia gaia, già nel nome, mostra il piacere di fare le cose in un certo modo. Sicuramente, per Sultano, rappresenta un approdo, non un impegno occasionale.
«È quello che serve a me – mi dice – avvicinarmi il più possibile alla campagna».

da-sinistra,-Carmelo-Cilia,-Ciccio-Sultano,-Paolo-Moltisanti-(2)-corpo

da sinistra, Carmelo Cilia, Ciccio Sultano, Paolo Moltisanti

 

E allora, proprio di una parabola si tratta, di un itinerario circolare che inizia al mercato, annusando, toccando, assaggiando la materia prima; continua in cucina, costruendo dei piatti che si uniformano al paesaggio ibleo, giocando sulle stratificazioni e pescando analogie di gusto e di forma al di là delle colline, fino al mare; per tornare infine alla concretezza di un pollaio, di un pezzo di terra natia, curato, delimitato, che custodisca un tesoro giornaliero e vivo.

Ecco la sua ricetta per il pollo di campagna L’Aia Gaia.

PER 4 PERSONE

Ingredienti
1/2 pollo di campagna L’Aia Gaia disossato e 4 alette scalzate; 50 gr di mosto d’uva, 25 gr di soia, 50 gr di burro; 2 spicchi d’aglio vestito, 1 rametto di rosmarino, 1 rametto di timo; 4 tubi per cannoli, carta forno, spago da cucina; olio evo, sale;tartufo nero siciliano;
Procedimento
Rivestire i tubi con carta forno. Stendere il pollo, condirlo con il sale e fare dei rotolini intorno ai tubi avendo cura di equilibrare bene petto e coscia, quindi arrotolarli con la pellicola e farli riposare in frigo per 12 ore. Togliere la pellicola e legarli con lo spago. In una padella mettere l’olio, l’aglio, gli odori e cicatrizzare i rotolini e le alette, laccarli con il mosto, la soia, il burro e aggiungere un po’ di brodo. Mettere i polli singolarmente sottovuoto con il fondo di cottura e cucinare a 68 gradi per 150 minuti.

PER LA SCHIUMA DI MAIS
250 ml di latte; 60 gr di patata pelata e tagliata; 50 ml di panna da cucina; 15 gr di cipolla tritata; 150 gr di mais;

Procedimento
Rosolare la cipolla con le patate, aggiungere il mais e portare a cottura, quindi frullare passare al settaccio e mettere dentro un sifone con due cariche.

PER IL CROCCANTE DI RISO
200 gr di riso; 400 gr di brodo vegetale; 30 gr di cipolla tritata; olio evo; 30 gr di burro; 30 gr di ragusano dop grattugiato;

Procedimento
Assemblare gli ingredienti procedendo come un risotto e raffreddare.

PER IL RAGÙ
Fegatini di un pollo;
100 gr di cubetti di maialino nero dei Nebrodi; 50 gr di cubetti di salame di maialino nero; 30 gr di cipolla tritata; 20gr sedano tritato;1 spicchio d’aglio; 1 mazzetto di erbette profumate; brodo vegetale;

Procedimento
Procedere come un ragù, raffreddare e frullare. Unire i due composti, mettere in carta da forno imburrata e infornare a 180° secco per 15 min, la cialdina deve risultare croccante.

PER IL SERVIZIO
Slegare e passare in padella il pollo con il suo liquido, riempire i rotolini di pollo con la schiuma di mais e servire in piatti piani completando con tartufo, cialdina di riso e salsa di cottura.

di Nicola Dal Falco

 Posted by at 8:13 am
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers