ott 052017
 

Solo Uva? Cos’è e cosa significa?
È un metodo di vinificazione?
Forse un’azienda?
Una provocazione?
È un po’ di tutto questo, ma procediamo con ordine.
È di sicuro un metodo di rifermentazione che nasce in Franciacorta con il chiaro intento di valorizzare un territorio molto particolare, sia da un punto di vista climatico che orografico e di composizione dei suoli.
Ma perché Solo Uva?
Molti potrebbero pensare che parlando di vino sia assolutamente naturale parlare di un qualcosa che proviene esclusivamente dalla trasformazione dell’uva, ma è proprio qui che si cade in errore e nasce la provocazione da un concetto tanto semplice quanto articolato.

Foto-1-corpo

Produrre spumante con questo metodo è molto difficile; come si intuisce dal nome, infatti, si usa solo e soltanto ciò che proviene dall’uva. Quasi tutti sanno che nella produzione di uno spumante ci sono due fasi fondamentali che prevedono l’aggiunta di zuccheri esogeni, in genere zucchero di canna o di barbabietola.
Gli zuccheri assemblati a dei lieviti si addizionano al vino base, nella Liqueur de Tirage, facendo partire così la rifermentazione del vino e creando le tanto amate bollicine e non solo; la seconda fase è la Liqueur d’Expedition, generalmente uno sciroppo con una concentrazione zuccherina più o meno importante, a seconda del tipo di prodotto che si vuole ottenere, si aggiunge allo spumante a seguito della sboccatura, caratterizzandone il gusto e dosaggio in modo da creare un Extra Brut, un demi  sec o addirittura un Doux,
Con il metodo Solo Uva, invece, non c’è aggiunta di zuccheri esogeni.
A questo punto, in molti potrebbero mettere in discussione la validità di questo procedimento, ma vediamo di seguito e nel dettaglio come funziona.

Foto-2.jpg-corpo

La resa è ridotta di circa il 50% e l’aspetto fondamentale è la piena maturazione fenolica delle uve, ciò implica anche il dover passare più volte nella stessa vigna e addirittura nello stesso filare, perché non tutti i grappoli maturano allo stesso modo; un altro aspetto altrettanto importante è la pressatura delle uve e l’ottenimento del mosto.
Ora vediamo come si procede per la formazione di uno spumante.

Apertura-corpo

Semplice, sia nella Liqueur de Tirage che nella Liqueur d’Expedition gli zuccheri saranno sostituiti dal mosto precedentemente ottenuto e congelato.
Mi sento di poter affermare che ci troviamo di fronte ad un vino naturale.
Tale procedimento, tanto semplice, quanto efficace e di grande risalto e rilievo è stato sperimentato e messo a punto nel 2008 da Giuseppe Vezzoli, proprietario dell’omonima azienda ad Erbusco, insieme ad un team di collaboratori composto da Nico Danesi, Andrea Rudelli e Giovanni Arcari. Oggi questo metodo è certificato e sono sempre di più le aziende franciacortine e non solo che lo utilizzano, tra le più rinomate troviamo:
Azienda Agricola Arcari+Danesi, Azienda Agricola Derbusco Cives, Azienda Agricola Sullali, Azienda Agricola SoloUva e Azienda Agricola Vezzoli Giuseppe.

E se un giorno diventasse il Metodo Franciacorta?

 Posted by at 7:33 am
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers