mar 202018
 

Erano anni che la nostra Daniela Nipoti sognava di fare questo viaggio.
Può un’astrologa non andare almeno una volta in Egitto?
La Dea leonessa Sekhmet la stava aspettando.
Foto, parole, cibi e profumi sono i doni che mi ha portato insieme alla sua Lisa.
Che regalo a voi. Buona lettura!

piramide-web

Tra una piramide e una sfinge resto felicemente sorpresa dalla cura con la quale il cibo viene preparato, sia che si tratti dell’hotel internazionale che della trattoria di basso livello.

cuochi-web

 In Egitto, con le piene del grande Nilo e il suo limo che rende fertile la terra, è un tripudio di frutta e verdure, che servono crude, cotte, in umido.

frutta-web

In quanto a frutta si gustano delle piccole banane, saporitissime, che abbondano ovunque, datteri freschi (anche se non è stagione), arance, meloni verdi, fragole, pompelmi succosi e guava, guava, guava, con tanti semi come il kiwi, ma con un sapore diverso e delizioso.

verdure-e-formaggio-web
Fra le verdure, mi ha sorpreso l’okra, sontuosa in umido con il pomodoro e un pizzico di peperoncino. Non è una cucina piccante.

buffet-web

Salse di sesamo in abbondanza, carne succosa e saporita, il pane arabo che ricorda la nostra piadina anche se più morbido, naturalmente riso per accompagnare.

prima-colazione-egiziana-web

Ho visto in giro della pasta scotta come quasi sempre all’estero.

arrosto-web

Peperoni piccanti e dolci, falafel, polpette di sesamo, pollo, manzo e ovini, ovviamente, niente maiale.

marmellate-web

Dolci e dolcetti si assomigliano un po’ tutti. a base di pasta, mandorle, miele in quantità.

dolci-web

Per finire l’immagine di Sekhmet, la dea leonessa, che mi ha protetto da eventuali maledizioni di Tutankamon…

sfinge-web

 Posted by at 9:16 am
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers