Ott 122019
 

Sempre in evoluzione, perché oggi è già passato e domani è già oggi, German Scalmazzi alza la testa dalla cucina, parla, racconta e si collega ad ognuno di noi. Con la grande semplicità di chi sa fare bene il suo mestiere con umiltà, tecnica, testa e tanto cuore. Che certi tempi scintillanti di apparenze senza sostanza ormai appartengano al passato se ne sono accorti in tanti. Forse ancora pochi. Ma guariranno.

La serata dedicata al pesce azzurro organizzata molto bene da Slow Food Loreto Val Musone gli ha dato il palcoscenico giusto, a casa sua e della moglie Sara Pandolfi, per esprimere pensieri trasformati in grandi piatti. Si celebra il pesce azzurro. Povero? Diciamo di sì. Antipasti raccontati col cuore in ogni tecnica e dettaglio, come fosse possibile rifarli a casa, da mangiare goliardicamente con le mani,

hanno anticipato un ricciola cruda e cotta con calda acqua di pomodoro a profumare.

E’ la testa di German che ora ci racconta di come è riuscito a marinare l’alice marinata che marinata non è. Giochi di passaggi, di abbattitori, di rispetto del pescato che appare nei suoi colori più vivaci e più belli. Buonissimo e ben dosato l’uso del burro. Ruffiano? Ebbene sì. I ricordi devono uscire dal cuore e raggiungere palato e testa.

Carlo si affianca a German.

Anzi lo sostituisce mentre lo Chef va a cucinare il tormentone di questa estate: spaghettini burro e sardò. Parla di tenacità dei grani duri perfetta per un formato tanto difficile da realizzare e, adesso, facile da cucinare. Mette d’accordo tecnica, cuore e testa. Da fiato sospeso.

Sarebbe dovuta essere con noi la cara amica Maria Elena Curzio per rendere omaggio allo sgombro. Un piccolo banale incidente l’ha fatta rimanere a casa. German rimette mano alla ricetta a modo suo. Io racconto di Lei.

Alla Presidentessa delle Cuoche a Domicilio, paladina e menestrella delle tradizioni italiane, piacerà la versione di German? Qui la sua originale…

Grazie chef German Scalmazzi per il tuo coraggio e la tua sicurezza ampiamente e validamente dimostrata sul campo. Tecnica, cuore e testa.
E grande amore, aggiungo io.

 Posted by at 5:19 pm
Follow

Get every new post delivered to your Inbox

Join other followers