Lei si chiama Ricordo, intendo la foto. La Lei nella foto non lo so. Dovrei chiedere a Max Valerio che immagino impegnato nell’installazione della sua Mostra. Il prossimo 10 Ottobre alla Galleria Queen a Desenzano sul Garda. Scorrendo qui sotto leggerete la biografia di Max scritta da lui con in mezzo alcune delle sue foto. Alcune, appunto, le trovo bellissime…

American-corpo

American

Max Valerio nasce a Milano nel 1981.

Artista di un mondo in cui prima è la pittura, poi la fotografia. In continua contraddizione con se stesso e in perenne ricerca, odia le forme di società che portino a macchinazioni mentali e riducano gli uomini a schiavi di ideali inesistenti. 

BLACK-MAN-corpo

Black Man

La musica è il centro del mondo, da qui arriva la passione per il cinema. 

Anticamera-corpo

Anticamera

Dal 2009 si dedica ai gruppi musicali e alla moda per lavoro, curandone l’immagine dal punto di vista fotografico e video, portando avanti in parallelo i suoi progetti artistici.

aristocratica--corpo

Aristocratica

Apolitico, senza branco. Si sente realmente vivo quando può lavorare con le sue mani. La fatica lo fa sentire vero, e spesso cita “il lavoro nobilita l’uomo”. 

born-corpo

Born

Ama la semplicità e vorrebbe vivere solo di essa in una sorta di eden dove lo stento diventa ricchezza, e la ricchezza è stento.

Cesare--corpo

Cesare

 Ama la conoscenza, ma quella che conduce a una forma di saggezza.

CICATRICI-corpo

Cicatrici

  Come artista si definisce,”pazzo razionale, non da legare”.

donna-con-ombrello-corpo

Donna con ombrello

 Personalità controversa, autodidatta, in ogni sua creazione è alla continua ricerca di una forma espressiva che possa catturare l’essenza dell’animo umano, per raccontare l’opera più importante mai creata da Dio: l’uomo, che ogni imperfezione rende opera perfetta.

fallen-angel-corpo

Fallen angel

 Gli artisti che lo hanno accompagnato nel suo pensiero nel corso degli anni, sono per lo più musicisti, tra i quali De Andrè e molti altri esponenti dalla musica classica al rock, benché si esprimano musicalmente in modo diverso e con ideali politici a lui lontani.

LADY-SNAKE-corpo

Lady Snake

Sono i musicanti che lo hanno accompagnato con le loro note, la loro musica e la loro voce nel mondo fluttuante dell’arte e dell’espressione.

lago-rosso-finale-corpo

Lago rosso

 In lui il pittore nasce all’età di 13 anni. Dipinge e contemporaneamente comprende che la sua strada sarà l’arte. L’adolescenza è segnata da accadimenti che lo distraggono dal potersi esprimere liberamente e rimane addormentato nell’inconsapevolezza fino all’età di 19 anni, quando inizia la sua prima vera produzione pittorica. 

color-violence--corpo

Color violence

La discordanza con il mondo che lo circonda lo portano a distruggere una serie di dipinti verso i vent’anni.

no-title--corpo

No title

Da questa caduta, dopo una pausa di un anno ricomincia a dipingere, ma non si accontenta di questa sola forma espressiva, scolpisce e utilizza ogni materiale possibile per cercare di creare qualcosa che gli permetta di liberarsi dai suoi demoni.

ricordo-home

Ricordo

Da sempre è affascinato dall’immagine correlata al suono, e per questo, quando dipinge, non può farlo realmente se non è accompagnato dalla musica. E’ questo il momento in cui si rende conto di volersi avvicinare alla pittura in movimento: il cinema. Vuole che la musica lo accompagni in ogni istante della sua vita, e benché non sappia suonare nessuno strumento quando ascolta un brano musicale lo visualizza nelle sue mani e il suo pensiero è che non possa esistere un mondo senza musica.

Siren-corpo

Siren

La fotografia arriva di conseguenza essendo la forma espressiva che si trova tra la pittura e il cinema. Per lui fotografare è dipingere, non semplicemente riprodurre la realtà, ma riprodurla attraverso i suoi occhi. I suoi primi lavori fotografici da autodidatta iniziano intorno al 2006-07 con il ritratto e il nudo femminile.

copertina-per-carla-corpo

La Mostra

Gli esperimenti in camera oscura lo affascinano, ma la sua mente frenetica sempre alla ricerca di nuove forme espressive e di nuovi mezzi, lo avvicina alla fotografia digitale, che definisce “il nuovo mondo”. La stessa fotografia, quando nacque intorno alla prima metà dell’ottocento, era malvista da chi considerava come unica vera forma espressiva la pittura, e fu apprezzata solo nel corso del tempo grazie a grandi artisti che l’hanno rivelata come una grandissima forma d’arte sotto ogni suo aspetto.

L’evoluzione porta alla rovina se non è filtrata dall’anima.