Iniziano le feste rosse…

Dopo i puntini che scrivo? Raccogliendo i pensieri di ognuno di noi:  quest’anno, ormai, va così. Vi auguro tante belle cose come diceva Papà Pippo che ieri avrebbe compiuto 91 anni e mi avrebbe aiutata, come nessun altro sa fare, a trovare il significato giusto di ogni accadimento.
Adesso voglio ricordare 3 persone speciali che se ne sono andate, di questi tempi, lasciando un vuoto profondo nei loro cari e anche dentro di me.

 

 

Ciao Pino Scaccia, amico fondamentale. ‘Devo dirlo a Pino, chiamo Pino, sento Pino.‘ Era ed è sempre così ogni volta che con Kruger Agostinelli ragioniamo su qualcosa di importante.

 

 

Ciao Michele Carriero, cuoco sorridente e generoso. Ci siamo conosciuti con la tua amata Sabina solo per telefono. Ma quanto tempo siamo stati al telefono? Quel tanto che basta per far nascere un legame affettuoso. Un abbraccio a Sabina forte.

Ciao Jolanda, detta Maria. Quando si vola in cielo dopo i 100 anni le parole sono, spesso, banali. Voglio ricordare la tua delicata eleganza, il tuo buon gusto e, non so te l’ho mai detto o forse sì, il piatto di portata che mi hai regalato quando mi sono sposata è sempre il mio preferito. Un abbraccio che spero di poter dare di persona molto presto a Fiorella e alla sua bella famiglia.

 

Con l’inizio delle feste ecco ritornare il Premio Italia a Tavola. Questo è il 13° anno. Un modo intelligente, inventato dall’amico direttore Alberto Lupini, per dare luce, e adesso più che mai ne ha bisogno, al mondo dell’accoglienza, della ristorazione e della comunicazione che gli gira intorno. Cliccate qui e scoprite anche i miei preferiti.

 

 

Prima della Vigilia di Natale andranno in onda le ultime due puntate dell’anno del mio programma mattutino a radioserena.net con Luca Tortuga.

 

 

Domani torniamo a parlare di Panettone artigianale con Antonio Stanzione e Amerigo Martucciello. A proposito avete fatto buoni acquisti?

 

 

Mercoledì chiudiamo in bellezza con il Maestro Gualberto Compagnucci. La sua Vigilia e il suo pranzo di Natale, il Ribona, rigorosamente al maschile e la sua storia, le bollicine per le feste.

 

 

Io stapperò friulano grazie a Giovanni Puiatti e un po’ francese per una questione di cuore.
Buon Natale e buon 2021 con le Penne Lisce Cappelli  firmate da Luca Pieroni 

 

Se non desideri più ricevere la newsletter, clicca qui